"Ina cara" Una carezza, poesia di Angelo Trotti di Monno

12.09.2012 21:45

Ina cara

La mè nòna l'era mia tat granda
e ògni domà la vaja a mèsa
quan che le rundinine
la durmia amò sol fil.

La s'era spuzada zuina
parchè l'ea sèmper credü
che com ina cara di 'n òm
l'aras üt mai pö frèt.
E 'nse l'è stà!

El ge bastaja ina cara
per fà 'ndà jà la glacc d'envèren,
com in'altra cara el vignia fò i fiur,
com doi care
el vignia ciòch el cel
de contentèsa e del botèp.
Com en basì
el se fermaja le stèle
com en basì e ina cara el nasea in om.

Me sò fiöl de 'n basì e de 'na cara
e 'l cel
l'è 'l mè ghidas.

A me 'l me basta ina cara
par scaldà la ca!
'Na cara e 'n basì par èser buba.

 

Una carezza

Mia nonna non era molto alta
e tutte le mattine andava alla messa
quando ancora le rondini
dormivano sul filo.

Si era sposata giovane
perchè aveva sempre creduto
che con una carezzza di un uomo
non avrebbe avuto mai più freddo.
E così è stato!

Gli bastava una carezza
per far scioglere il ghiaccio in inverno,
con un'altra carezza sbocciavano i fiori,
con due carezze
ubriacava il cielo
di felicità e soddisfazione.
Con un bacio
si fermavano le stelle
con un bacio ed una carezza nasceva un uomo.

Io sono figlio di un bacio e di una carezza
e il cielo
è il mio padrino.

A me basta una carezzza
per scaldare la casa!
Un carezza e un bacio per essere padre.