Libro: L’emigrante argentino

04.02.2015 12:45

Giannino Botticchio, scrittore camuno prolifico e dai vasti interessi culturali, ha pubblicato un nuovo libro nato da storie vere: due emigranti camuni in Argentina, Giuseppe Chiarolini e Tino Moscardi, gli hanno raccontato a più riprese le loro storie lontane chiedendo a Giannino di tenerli informati sulla storia e l'attulaità della loro Vallecamonica,. Nel libro Giannino usa il criterio della contaminazione dei nomi, trasformando i due personaggi veri in un unico personaggio di fantasia, Peppino Chiardi (Peppino da Giuseppe e Tino; Chiardi da Chiarolini e Moscardi) con il quale allaccia una corrispondenza fatta di testimonianze, curiosità, aneddoti, fatti dolorosi e fatti nuovi, scoperte e antichi racconti. Il libro sviluppa una trama narrativa semplice e avvincente: Peppino Chiardi scrive e Giannino risponde alle sue domande, scrivendogli a sua volta. Durante un trasloco emerge anche un antico diario di un soldato di Cogno sul fronte della prima guerra mondiale e Giannino lo racconta al suo lontano interlocutore. Tra le righe del racconto storico, emerge sempre il sorriso e l'ironia, vera cifra narrativa di Giannico Botticchio. La presentazione è stata curata dall'amico Antonio Alessi, compianto compagno di interessi culturali dell'autore. Il libro è stato pubblicato grazie al sostegno dell'Olcese di Cogno e delle aziende vitivinicole del territorio. Sabato 7 febbraio verrà presentato alla cena annuale dell'Andos: il ricavato della vendita verrà devoluto all'Associazione Donne Operate al seno