Campionato 2003-'04 : Roby Baggio

02.10.2012 10:20

Roberto Baggio con la seconda rondinella d'oro (in primo piano) intervistato dai cronisti delle TV nazionali

Nell'ultimo anno di carriera, Roberto Baggio, concede il bis. È l'unico calciatore che sia stato in grado di ripetersi e ottenere il nuovo attestato di stima dal pubblico. Ma per un fenomeno come Baggio, può scomodarsi anche la consuetudine. Per il Brescia Calcio, ancora una salvezza da incorniciare. Con Baggio, ormai stanco, dolorante per anni di sacrifici e deluso dalle mancate convocazioni nazionali per tornei che contano, si chiude una pagina indimenticabile della storia del calcio. Ma non prima di aver strabiliato tutto il mondo di appassionati per il suo duecentesimo gol in serie A, contro il Parma. Una perla, uno stop a seguire incantevole ed un diagonale mortifero quanto elegante. Un regalo per tutti i suoi estimatori. Ma Brescia è una piazza che sa ricambiare. Dopo quattro anni di magie, ecco un Rigamonti stracolmo per l'ultimo appuntamento casalingo: una festa d'addio pro Baggio che il fantasista non dimenticherà mai, talmente toccante da far giungere alle lacrime. Brescia forse non avrà mai più l'occasione di vedere un campione come Baggio calcare il prato di Mompiano. Per questo la Rondinella d'Oro ha dato il bis al giocatore, quasi come un commiato di un'intera città e di chiunque ne ha abbia apprezzato le magie. In realtà le schede che gli sportivi hanno mandato in redazione avrebbero consentito a Baggio di vincere altri due trofei, purtroppo il regolamento recitava che i voti fossero indirizzati ai giocatori che avessero disputato almeno una partita nell'ultimo mese e la direzione si è vista costretta ad annulare moltre schede perchè causa gli infortuni Baggio non disputò molte partite. Favoloso.