Campionato 2009-'10: Marco Zambelli

15.10.2012 00:00

Marco Zambelli con la Rondinella d'oro. a dx Filippo meraviglioso anfitrione della serata

La Rondinella d’Oro votata per la stagione (2009/2010) che visto il Brescia tornare nella massima serie è Marco Zambelli, gavardese e dunque bresciano doc che ha messo tutto l’impegno immaginabile e possibile in quest’avventura che, alla fine, stava ancora una volta per sfuggire. Marco Zambelli ha qualità tecniche evidenti: corsa, dribbling, cross, acume tattico, più che mai indispensabile nel calcio d’oggi dove quasi quasi (lo dico sottovoce e con un filo d’affanno) la fantasia va mortificata invece che esaltata. Zambelli ha contribuito non poco al successo finale delle rondinelle e per questo i tifosi hanno mostrato il loro gradimento che poi, a ben guardare, è quello che dà il senso vero della riconoscenza e dell’apprezzamento. Niente vuote parole, ma una semplicissima scheda che vale una montagna di grazie sussurrati o urlati. Zambelli è ragazzo molto serio. Il calcio è importante, anzi fondamentale per la sua vita, ma egli mostra di capire che non può essere tutto. Ci sono valori oltre, che plasmano cuore e cervello, che rendono la vita valida per sè e per gli altri. Per questo il giovane di Gavardo è ancor più apprezzabile. Doti umane, umiltà, niente grilli per la testa, applicazione perché fa parte della professionalità, ma nulla che lo faccia apparire “fenomeno” o fuori del normale, come va molto di moda in questa sociuetà in cui apparire importa più che essere. Poi va aggiunta la generosità sul campo. Che sia in forma o che patisca il momento di gnagnera (comune a tutti i giocatori in una stagione, specie se lunga come quella di serie B) Marco pedala, s’arrabatta, sta alle disposizioni dell’allenatore che non sempre possono essere gradite (più indietro, più avanti, a destra, a sinistra...), insomma, gli interessi della squadra prevalenti su quelli personali, pur legittimi e di rilievo. Anche per questo i tifosi azzurri gli hanno dato la preferenza, davanti a Possanzini e a Bega che pure sono figure carismatiche del Brescia. La Rondinella d’Oro 2009-2010 affidata a mani, pardon, a piedi buoni. Riconoscimento, ma anche impegno. Un premio stimola a fare ancora meglio. Non c’è dubbio che con questo... oro volante, Marco Zambelli, sarà all’altezza delle ulteriori attese. Sue e dei tifosi azzurri.

Immaginii della splendida serata nella pima foto tutti gli ospiti d'onore premiati. Di seguito; Piro Borelli, Claudia Celin e Alessio Boco dirigente dell pallanuoto Leonessa, il dott. Ettore Isacchini, il maestro Remo Bombardieri con il giornalista Salvatore Nittoli e Marco Zambelli. Un gruppo di amici Sergio Gamba, Sandro Franchina, Angelo Venieri e il mister Mario Mantovani

Marco Zambelli omaggia la sua maglia all'amico tifoso Alfonso

La gentile signora riceve, dal giornalita Corbetta del Brescia Oggi,una targa per la squisita ospitalità