Darfo Boario, stagione teatrale al San Filippo

15.10.2015 11:40

Ritorna la grande stagione culturale al Teatro San Filippo, frutto della collaborazione tra Amministrazione Comunale e Oratorio San Filippo Neri di Darfo.
Un nuovo autunno, una nuova stagione teatrale con un cartellone ricco di spettacoli, rassegne ed eventi che accompagneranno la cultura del 2015-2016.
Grande la soddisfazione degli organizzatori – ovvero della Amministrazione Comunale e dell’Oratorio San Filippo Neri-  che ritornano a presentare nuovi spettacoli e tante serate insieme, dopo un cammino di collaborazione istituzionale e educativo.
“Sia l’Amministrazione che la Parrocchia e l’Oratorio sono al servizio delle persone, con la responsabilità di fare proposte costruttive, rivolte al bene comune, alla crescita della comunità - afferma l’Assessore alla Cultura - È stato bello, anche quest’anno trovare la sintesi attorno a iniziative differenti, con obiettivi di cultura, educazione e divertimento, ciascuno con la profonda coscienza del proprio ruolo e nel pieno rispetto di quello dell’altro”.
Il risultato di questo impegno è decisamente pregevole: tre rassegne e tanti eventi gioiosi, di riflessione, di relax per giovani e meno giovani, famiglie, amici.
Aprirà la stagione la rassegna dedicata al “Teatro civile”, con “Le mafie in pentola”, lo spettacolo vincitore del Premio “Impegno civile per le nuove resistenze 2015” che racconta la storia di una bella economia i cui cardini si chiamano agricoltura biologica, qualità, lavoro e rispetto delle leggi.
“Gli spettacoli della rassegna di Teatro civile intendono portare una ventata di novità , un impegno che traccia storie reali, ricche di qualità, fondate su valori condivisi e forti - continua Giacomo Franzoni - La scelta, ad esempio di portare lo spettacolo “La misericordia” di Lucilla Giagnoni esprime il senso di questo percorso che attraversa il territorio sacro e quello civile, intessendo una rete che abbraccia la vita, nella complessità della società”.
“La pace,  la solidarietà, l’amicizia, il perdono, l’attenzione e il rispetto dell’altro – riprende l’Assessore cittadino – si intrecciano nella società civile quanto in quella religiosa, perché essenza della convivenza civile e della natura umana”.
Altrettanto importante la rassegna dedicata ai bambini ed alle famiglie che vuole costruire momenti belli che piccoli e genitori possano trascorrere insieme, con entusiasmo, serenamente, ridendo insieme. Altrettanto attesa dal pubblico è la rassegna dedicata al teatro dialettale giunta alla sua 42ma edizione che propone ben 11 spettacoli in cui si registra, normalmente, il sold out, a dimostrazione dell’interesse verso il vernacolo che, per molte persone e per molti anni è stato lingua madre e, come tale, strumento di trasmissione di emozioni, saperi, e affetti”.
Oltre le tre rassegne che occupano gran parte della stagione teatrale, il programma prevede altri eventi promossi da associazioni e patrocinati dall’Amministrazione.