PIANCAMUNO. Una giornata particolare negli spazi di Planet kart

14.11.2012 15:50

 

La strada miete troppe vite. Senza distinzione si appropria di persone mature, di padri e madri di famiglia e di giovani spensierati. Ogni lutto dovrebbe scuotere gli animi e contribuire a una maggiore coscienza sul come comportarsi in auto o se si guida una qualsiasi due ruote. Ancor più quando a restare sull'asfalto sono persone nel fiore dell'età.Come dare consapevolezza ai giovani che la vita vale ben più dell'ebrezza di una corsa sconsiderata? La risposta viene dalla scuderia Franzoni di Darfo Boario e da alcuni istituti scolastici camuni: l'Olivelli di Darfo, il liceo di Breno, la media di Esine e Piamborno. Facendo leva sull'esperienza di pilota di Gian Antonio Franzoni, hanno avviato un percorso di educazione al rischio e alla sicurezza stradale. Partendo dalla pista del Planet kart di Piancamuno sulla quale nei giorni scorsi un bel gruppo di studenti ha potuto dapprima mettere alla prova le proprie abilità di guida, e successivamente fare una serie di riflessioni con la supervisione di chi di auto se ne intende. Con in cattedra a rappresentare un monito per tutti il giovane Micol, passato dal suo ciclomotore alla sedia a rotelle.  Al suo fianco, al Kart di Piancamuno, anche Rosanna ed Enrica, due mamme di Darfo Boario che hanno perso i rispettivi figli in un incidente stradale e che ora hanno dato vita all'Associazione camuno-sebina "La linea della vita", la cui intenzione  quella di operare nelle scuole per favorire la sinergia tra istituti educativi, amministrazioni comunali, scuole guida, scuderie corse, con l'intento di promuovere e far crescere la consapevolezza del rispetto delle regole, ma anche dell'integrità della persona. Si potrebbe dire educazione alla guida consapevole, che nel corso della prima lezione dopo la preliminare corsa sui kart, ha trovato la cinquantina di ragazzi presenti al seminario intenti a raccogliere le indicazioni dell'istruttore. Con la speranza e l'augurio che le mettano in pratica per una guida e una vita sicura.

Dal Brescia Oggi