Poste, la politica dei tagli va e Gorzone ha poche speranze

14.11.2012 15:56

 

Secondo i sindacati, nonostante i tentativi siano ancora in corso l'ufficio postale di Gorzone verrà probabilmente chiuso. "Proveremo fino all'ultimo - assicura Massimo Poiatti della segreteria Slc Cgil di Valcamonica e Sebino - ma c'è il rischio concreto di non riuscire a salvare lo sportello". Le organizzazioni sindacali di categoria di Cgil e Cisl lavorano da settimane per risolvere la questione del piano di riordino aziendale avanzato quest'estate da Poste italiane, e che prevedeva, lo ricordiamo, la chiusura di oltre un migliaio di uffici. L'unico in Valcamonica  proprio quella della frazione darfense. L'amministrazione comunale di Ezio Mondini aveva immediatamente cercato di sollecitare un ripensamento da parte dell'azienda, evidenziando l'importante servizio prestato a quasi 1.300 utenti.  La sede di Gorzone aveva già dovuto subire una riduzione delle giornate di apertura, arrivando nei mesi scorsi a quella definitiva di sole due mattine settimanali (martedì e giovedì).Proseguono i sindacati:" Faremo comunque altri tentativi nella speranza di garantire la sopravvivenza di questo presidio che  e resta importante per le esigenze della popolazione. A fine novembre la trattativa con Poste italiane dovrebbe chiudersi, e allora vedremo cosa saremo riusciti a ottenere"

Dal Brescia oggi.