Prosegue la gestione del Santuario di "Minerva Medica" a Breno

18.04.2013 16:03

 

L’Associazione ANSI di Vallecamonica anche per l’anno 2013 ha convenuto con il Comune di Breno di proseguire l’impegno di gestire e vigilare sul sito “archeologico” del Santuario romano di Minerva Medica di cui brevemente qui di seguito si fa un cenno storico. Il Santuario di Minerva Medica di Breno è sorto nel  I secolo D.C. nel luogo in cui fin dal V secolo A.C. i Camuni veneravano una divinità indigena, di cui Minerva stessa è, l’erede. Fino a tutto il IV secolo D.C. infatti nel santuario venne praticato il culto della dea, cui erano dedicate le acque considerate salutarie provenienti dalle grotte cui l’edificio stesso si addossa. Nel bellissimo santuario vengono conservati l’impianto architettonico, mosaici e gli affreschi, molti materiali di culto ritrovati, riferiti sia alla fase protostorica, per la quale va segnalata in particolare un’eccezionale placchetta votiva in bronzo del V secolo A.C., sia alla fase romana, nonchè la bellissima statua della Dea Minerva. L’ingresso e la visita al Parco sono controllate da apposito personale. La visita al Parco costituisce occasione di conoscenza del luogo che fu considerato sacro dall’uomo per circa mille anni tra l’epoca protostorica e quella storica.